Isolamento

Isolamento termico a cappotto: di cosa si tratta?

Con l’arrivo delle piogge invernali nascono i primi problemi di infiltrazioni che, se non adeguatamente risolti, causano danni importanti e permanenti alla tua dimora. Nella maggior parte dei casi, non nella totalità, questi danni sono causati da errori di copertura e isolamento e quindi da infiltrazioni.

In questo giocano un ruolo importante, nella costruzione e nella progettazione, la cura del progettista e i materiali (oltre che la tecnica) usata nella fase di realizzazione dell’isolamento a cappotto.

Isolamento a cappotto

Se state pensando di migliorare la tenuta impermeabile del tetto della vostra dimora o state costruendo il vostro sogno edilizio, vi consigliamo di affidarvi a chi conosce perfettamente le migliori tecniche per la coibentazione e l’isolamento a cappotto.

Il nostro metodo Vitanova è pronta a fornirvi la giusta soluzione per poter soddisfare tutte le esigenze della vostra dimora. Perché le abitazioni non sono tutte uguali, così come il luogo in cui vengono costruite, quindi anche la coibentazione non potrà mai essere standard.

Rivolgendosi a Vitanova, specializzata nel rifacimento e impermeabilizzazione edile di copertura e tetti, sarete al sicuro non solo per quanto riguarda l’esecuzione del lavoro, sempre seguita dal nostro capo cantiere, ma anche sull’impiego di tecnologie e materiali sicuri, d’avanguardia e certificati.

Per i nostri isolamenti a cappotto usiamo sempre vernici, guaine e pannelli isolanti certificati CE è che rispettano la destinazione d’uso prevista. Non solo questo però, perché i nostri lavori sono certificati non solo sulla carta ma anche e soprattutto nelle esperienze già vissute dai nostri clienti che possono vantare coperture senza infiltrazioni, senza danni successivi e duraturi nel tempo.

Analisi termografica

Come siamo certi di quello che diciamo? Quando terminiamo un lavoro utilizziamo un metodo di indagine, la termografia che ci aiuta a certificare il lavoro appena svolto.

Grazie alla tecnica della termografia è possibile andare ad individuare preventivamente zone soggette alla formazione di muffe. È possibile visualizzare le aree a maggiore dispersione termica, permettendo così di pianificare gli interventi di isolamento. Certo è che se quest’ultimo è stato davvero fatto male allora dovrai necessariamente rifare tutto, di nuovo, con nuovi soldi e spese.

Ma la cosa peggiore è che per questo tipo di problemi ne va di mezzo la tua salute oltre che la tua casa.

Immagina infatti di avere un ristagno di condensa in una parte esterna al muro interno, quindi al di là di un cappotto interno. Questa condensa diventerà muffa e tu la respirerai senza neppure rendertene conto.

Rosso e blu, i colori dell’efficienza

Ma come funziona? Più nel dettaglio. Sicuramente avrai visto qualche immagine, come quella di copertina a questo articolo. I colori sono due: rosso e blu. Il rosso indica calore e il blu il freddo. Quindi se guardiamo da fuori un edificio attraverso una termocamera e il perimetro è rosso allora l’edificio sta disperdendo calore. Se una parete è blu la casa è ben isolata. Ma se eseguiamo il test all’interno della casa? Allora in questo caso il risultato cambia: se blu indica discomfort e quindi una parete che rimane fredda disperdendo il calore!

Vuoi conoscere lo stato di salute del tuo cappotto termico? Chiedici una indagine termografica.